Discarica – Uzice

DISCARICHE

Uzice, Cacak, Serbia

Committente:

società DUBOKO del Comune di Uzice, provincia di Cacak in Serbia.

Denominazione della commessa:

realizzazione di un impianto per lo smaltimento di tutti i rifiuti urbani indifferenziati prodotti nella succitata provincia.

Volumetria della discarica: 300.000 m3

Importo dei lavori: 4.386.403,92 Euro

recupero ambientale

INTERVENTO IN CORSO

COSTRUZIONE DI UNA DISCARICA PER RIFIUTI URBANI AD UZICE (REPUBBLICA SERBA).

METODOLOGIA DI COSTRUZIONE DI UN IMPIANTO DI DISCARICA CONTROLLATA IN VERSANTE.

La realizzazione di una discarica da eseguirsi su un versante collinare prevede le seguenti lavorazioni:

  • Decespugliamento e disboscamento eseguito con mezzi meccanici o manualmente da operai specializzati.
  • Operazioni topografiche di tracciamento sulla base del progetto esecutivo e successivo picchettamento e modanatura dei punti principali per la formazione delle banche, delle scarpate e dell’argine di contenimento da eseguire alla base dell’invaso.
  • Operazioni di scavo con mezzi meccanici per la sagomatura e la messa in quota del versante e delle banche.
  • Il terreno di risulta verrà utilizzato per la formazione delle scarpate con le pendenze progettuali e per la formazione dell’argine di base. I rilevati verranno eseguiti mediante stesura con mezzi meccanici del materiale posato a strati dello spessore di cm 40 circa, opportunamente compattati con rullo adeguato. A raggiungimento delle quote di progetto le scarpate verranno opportunamente profilate e sagomate con la pendenza richiesta.
  • Realizzazione della impermeabilizzazione con materiale naturale (argilla con la permeabilità come da specifiche tecniche), per il rivestimento delle scarpate. Tale lavorazione consiste nella stesura in orizzontale di strati di argilla dello spessore max di cm 25 per la larghezza minima necessaria alla successiva fase di compattazione (larghezza m 4/5 circa) fino al raggiungimento della quota superiore della scarpata. A versante completo si procederà alla profilatura dell’argilla sulla scarpata rimuovendo la parte eccedente fino a lasciare lo spessore richiesto (cm 50). Il materiale rimosso verrà impiegato per l’impermeabilizzazione della sottostante banca orizzontale e per le parti sottostanti con la stessa metodologia di compattazione.
  • Realizzazione della impermeabilizzazione con telo in HDPE, come da specifiche tecniche, per il rivestimento delle scarpate e banche ricoperte precedentemente in argilla. Il telo verrà opportunamente immorsato alla partenza all’interno di una trincea in scavo riempita con materiale inerte. Ogni singolo telo sarà accostato e saldato mediante saldatura a doppia pista. Ogni saldatura verrà collaudata e certificata, allegando alla fine dei lavori, una planimetria su cui sarà indicata la posizione ed il numero di ogni singolo rotolo di telo impiegato.
  • Protezione del sistema di impermeabilizzazione mediante la stesura di un tessuto non tessuto, come da specifiche tecniche richieste, opportunamente immorsato e zavorrato sulle sponde con adeguati pesi.
  • Stesa dello strato drenante con mezzo meccanico, dello spessore di cm 50, sulle banche orizzontali con particolare cautela a salvaguardia del telo sottostante.
  • Realizzazione del sistema drenante in parete mediante la stesura di geocompositi drenanti (tipo TENAX Tendrain) realizzati mediante accoppiamento a caldo di una georete con due geotessili non tessuti con caratteristiche adeguate.
  • Posa del sistema di drenaggio e convogliamento del percolato con tubazioni in PEAD fessurate di adeguate resistenza (PN10 o PN16) e posizionamento dei torrini di partenza per la formazione dei pozzi del Biogas.

Altre discariche ed interventi ambientali